Primavera, tempo di erbe aromatiche

Le erbe aromatiche sono erbe officinali molto profumate perché ricche di aromi e oli essenziali ed esse si possono utilizzare essiccate per tisane, alcune si possono usare per aromatizzare olio o aceto, o si possono conservare  in congelatore mescolate finemente  a del burro fatto a rotolino,  ma danno il loro meglio da fresche, in cucina per marinature di carni e pesci, impasti, frittate, minestre, salse e  creme. Tra  le erbe aromatiche più conosciute ricordiamo: rosmarino, salvia, basilico, prezzemolo, timo, maggiorana, santoreggia, origano, cerfoglio, erba cipollina, alloro, balsamita, issopo, lavanda, levistico, aneto , dragoncello, coriandolo, menta, verbena odorosa, cappero, ruta, aglio orsino, rucola, borragine, finocchio.  Molte erbe aromatiche hanno spesso diverse cultivar, dunque all’interno dello stesso genere possiamo trovare aromi con sfumature diverse , è il caso ad esempio delle grandi varietà di menta (piperita, glaciale, viridis ), di timo (timo limone) o salvia (salvia ananas, salvia cannella, ecc.). Alcune  aromatiche si possono far crescere per la primavera e l’estate anche in vaso sul balcone o su un davanzale  di casa (basilico, maggiorana, erba cipollina, prezzemolo, rosmarino), altre come ad esempio la salvia o la lavanda (suffrutice), il timo, la santoreggia , la menta (stolonifera)  o l’alloro che ha portamento arbustivo,  si sviluppano vigorose  molto meglio in piena terra dove rischiano anche meno di ammalarsi di mal bianco (oidio) o di altri parassiti, dunque vi consiglierei se possibile di creare se avete la possibilità ,nel giardino condominiale, una piccola area profumata con queste erbe aromatiche a disposizione di tutti. Queste piantine ad eccezione del basilico e del prezzemolo (bienne) dei quali si raccolgono i semi, sono perenni e si rinvigoriscono potandole e usandole spesso. Non necessitano di particolari concimazioni né trattamenti fitosanitari.

erica

shop_manager